C'era bisogno di un altro sito sui telefilm?
Esistono diversi siti dedicati al mondo dei telefilm ma praticamente tutti presentano una prerogativa: in essi si parla quasi esclusivamente dei serial più recenti e popolari. Telefilmania.it nasce per colmare questa lacuna essendo in particolar modo dedicato ai telefilm più datati o di nicchia. Non che non si possa parlare di Lost o del Dr.House ma il sito si pone come principale scopo la raccolta e lo scambio di informazioni su serie "cult" come Chips e Supercar, serie scomparse come Baretta o Lou Grant e serie "minori" (non per qualità) quali Squadra Emergenza o Alla corte di Alice.
La Famiglia Bradford

Chi è cresciuto negli anni '80 ricorderà con ogni probabilità le vicende dei Bradford, numerosa famiglia di Sacramento (in California) protagonista della serie 'Eight Is Enough'. Il telefilm, giunto in Italia nel 1978 sul primo canale RAI per passare successivamente alle reti Mediaset, beneficiava di una ambientazione ed una atmosfera davvero adatte alla visione da parte di un pubblico di ogni età, ed il 'buonismo' tipico dei serial 'familiari' americani aveva senza dubbio un gusto più autentico (e meno ipocrita) di quanto non possa risultare lo stesso moralismo nelle fiction odierne.
Protagonisti della serie, una coppia sposata con ben otto figli, e gli inevitabili problemi che può comportare una convivenza così 'affollata'. La serie non nasce sotto i migliori auspici: l'attrice che interpreta la mamma Joan (Diana Hyland) si ammala gravemente dopo solo pochi episodi, fino a morire dopo la messa in onda dell'episodio pilota. Il suo personaggio scompare silenziosamente dalla serie e solo in un secondo momento viene rivelato che drammaticamente scomparso lasciando orfani gli otto figli. Un ruolo materno era però, probabilmente, essenziale per gli autori e, all'inizio della seconda stagione, Tom Bradford (Dick Van Patten) si innamora di Sandra Sue Abbott, detta 'Abby' (interpretata da Betty Buckley) che sposerà in un doppio episodio. Il nucleo familiare così costituito, resterà pressochè invariato fino al termine della quinta ed ultima stagione.

SCHEDA
Titolo: La Famiglia Bradford (Otto bastano)
Titolo originale: Eight Is Enough
Genere: Commedia / Familiare
Anno: 1977-1981
Stagioni: 5
Ideatore: Thomas Braden, Robert Holt
Produttori: Philip Capice, Lee Rich
Musiche: Fred Werner, Lee Holdridge
Gli autori di 'Eight is enough' (letteralmente 'otto sono abbastanza', riferito al numero dei figli) possono giocare con le diverse personalità di un gruppo nutrito e variegato (soprattutto per le differenti età dei figli) di protagonisti, e gli episodi non risultano mai ripetitivi, nonostante siano in fondo sempre incentrati su vicende familiari. La famiglia Bradford mescola sapientemente un pizzico di sitcom, un tocco di soap, e la giusta dose di dramma che le conferiscono un sapore caratteristico, seppure non troppo originale.
Le vicende della serie non si svolgono sempre in casa e non riguardano esclusivamente le dinamiche sociali interne ad una famiglia così numerosa: spesso i protagonisti si trovano coinvolti in guai di vario tipo, perfino con la legge. La serie non rinuncia ad una componente educativa tanto cara agli autori dei 'family-drama' americani ma, come già detto, ne La Famiglia Bradford tale ingrediente non guasta... o forse è solo il ricordo delle sensazioni d'infanzia provate dal sottoscritto a farmi ritenere questa nota meno 'stonata'... in fondo, probabilmente debbo davvero una piccola parte della mia educazione ai Bradford.

Tom Bradford, il 'capo famiglia', è un giornalista del Sacramento Register ed ha il volto 'paffuto' e rassicurante del noto attore Dick Van Patten (all'epoca già comparso in 'Le strade di San Francisco' e in 'Happy Days'). Non è certo una figura autoritaria e, seppure non sia sempre perspicace, la comprensione mostrata nei confronti dei figli, soprattutto in seguito alla scomparsa della loro madre, lo rende un modello positivo di figura paterna. Più complessa la figura di 'Abby', seconda moglie e madre adottiva della numerosa prole: insegnante risoluta e pragmatica, Abby non desidera prendere il posto della defunta signora Bradford e cerca di mantenere la massima discrezione nei confronti della sua nuova famiglia, ma è spesso chiamata in causa quando Tom non è in grado di districarsi da solo negli oneri genitoriali, e diventa presto una figura importante per l'educazione degli otto figli. Da segnalare che l'attrice Betty Buckley è recentemente tornata a produzioni seriali di prima grandezza con la partecipazione a serial noti quali "Oz" e "Law & Order - Unità Vittime Speciali".

Il maggiore degli otto figli è David, interpretato dall'attore, cantante e doppiatore Grant Goodeve, all'epoca un sex-symbol per le teenagers americane. Il personaggio abbandona presto la dimora familiare, andando a vivere da solo, e la sua indipendenza lo porta ad essere molto richiesto dai suoi fratelli e sorelle, soprattutto quando questi si cacciano in qualche guaio. Nel corso della serie David sposerà la bella avvocatessa Janet McArthur, interpretata da Joan Prather. Una curiosità: nell'episodio pilota, a recitare la parte di David c'è quel Mark Hamill che sarebbe presto diventato famoso nel ruolo di Luke Skywalker in 'Guerre Stellari'.
La seconda figlia Bradford, Mary, è una studentessa di medicina con la testa sulle spalle ma non esente dalla spiccata capacità di mettersi nei pasticci tipica della sua famiglia. L'attrice che la interpreta per tutta la serie, Lani O'Grady, è purtroppo scomparsa nel 2001 per overdose.
Terza in ordine di età, Joanie Bradford, con velleità di attrice, nel cui ruolo troviamo Laurie Walters che è, nella realtà, ben più 'anziana' del suo personaggio, essendo coetanea della 'matrigna' Betty Buckley. Quindi c'è Susan (Susan Richardson) dalle improbabili pettinature vaporose, che si innamorerà e si sposerà con una stella del baseball, tale Merl 'la perla' Stockwell (Brian Patrick Clarke).
Nancy Bradford è inizialmente il personaggio meno positivo del cast, rappresentando la classica 'bella senza cervello', e nel suo ruolo è ravvisabile un malcelato monito per coloro che puntano troppo sul proprio aspetto, ma la bella Bradford non mancherà di tirare fuori carattere e personalità nel corso delle stagioni del serial.

La più piccola delle sorelle Bradford è Elizabeth (Connie Needham), alle prese con i tipici problemi adolescenziali che non possono mancare in un 'family-drama' che si rispetti. Anche Tommy è un adolescente, in preda agli sconvolgimenti ormonali ed alla proverbiale agitazione dei 'maschietti' della sua età ed è forse il Bradford che combina più guai, costretto spesso a chiedere aiuto a fratelli e sorelle per non esser scoperto dai genitori. L'attore che lo interpreta, Willie Aames, continuerà a riscuotere un buon successo come interprete di serial, prima in 'Dungeons and Dragons' e quindi in 'Charles' con Scott Baio.
L'ultimo nato in casa Bradford è forse il personaggio che più è rimasto impresso nei ricordi degli spettatori: sto parlando di quel Nicholas (Adam Rich) dal caratteristico caschetto biondo che trovava spazio in pressochè tutte le vicende narrate. Le sue frequenti domande poste a tutti i suoi familiari rappresentano un pò un 'tormentone' della serie e volevano probabilmente rappresentare lo sguardo 'innocente' e avido di sapere con cui il pubblico più giovane avrebbe guardato alle strampalate vicende della famiglia Bradford.
A partire dalla quarta stagione un nuovo personaggio entrerà a far parte del cast e della famiglia: il già citato giocatore di baseball dei Sacramento Cyclones, Merle "La Perla" Stockwell, interpretato dall'attore Brian Patrick Clarke.
Nella quinta ed ultima stagione si aggiungerà ai protagonisti anche un giovanissimo Ralph Macchio che verrà poi definitivamente lanciato dal film "Karate Kid". La serie vanta inoltre la partecipazione di altre giovani stelle che si sarebbero distinte in seguito, come le bellissime Rosanna Arquette ("Cercasi Susan Disperatamente", "Pulp Fiction", "Crash") e Heather Locklear ("T.J.Hooker", "Dinasty", "Il Club delle Prime Mogli", "Melrose Place", "Spin City"), il futuro 'macho' Don Johnson ("Miami Vice" e "Nash Bridges") e il simpatico Gerald McRaney ("Simon & Simon" e "Jericho").
Il telefilm, scomparso per anni dalla televisione italiana, è stato recentemente trasmesso sulle reti Mediaset (prima Iris, poi Italia 1).

Paolo Tortora
© 2009-2010 telefilmania.it
Ultimo aggiornamento: 7 maggio 2010




PERSONAGGI E INTERPRETI

Tom Bradford: Dick Van Patten
Sandra Sue 'Abby' Abbott Bradford: Betty Buckley
Joan Bradford: Diana Hyland
David Bradford: Grant Goodeve (Mark Hamill nell'episodio pilota)
Mary Bradford: Lani O'Grady
Joannie Bradford: Laurie Walters
Susan Bradford: Susan Richardson
Nancy Bradford: Dianne Kay (Kimberly Beck nell'episodio pilota)
Elizabeth Bradford: Connie Needham
Tommy Bradford: Willie Aames
Nicholas Bradford: Adam Rich
Janet Bradford: Joan Prather
Dr. Greg Maxwell: Michael Thoma
Daisy Maxwell: Virginia Vincent
Donna: Jennifer Darling
Merle "La Perla" Stockwell: Brian Patrick Clarke
Ernie Fields: Michael Goodrow
Jeremy Andretti: Ralph Macchio



ELENCO EPISODI

clicca qui per l'elenco completo



DVD

Non esistono DVD con gli episodi della serie, neanche in lingua originale



SIGLA

Prima Stagione:


Seconda Stagione:


Terza Stagione:


Quarta Stagione:


Quinta stagione:


Una versione "unplugged" della canzone "Eight is enough" eseguita dal cantante/attore Grant Goodeve (David) nell'ultimo episodio della seconda stagione:




LINKS

Pagina su IMDB: http://www.imdb.com/title/tt0075500/
Un Fan-site: http://www.becoming.net/eie/



IMMAGINI
(cliccare sull'immagine per vederla ingrandita)





Tutti i testi sono proprietà di telefilmania.it © - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione del titolare
I nomi di serie, personaggi, emittenti etc. appartengono ai rispettivi proprietari
Molte immagini sono state liberamente prelevate da internet: se qualcuno ne possedesse i diritti può richiederne la rimozione